In evidenza

Una manovra di sostegno alle imprese che nasce da un percorso condiviso con le associazioni di categoria per il rilancio post Covid

PIOMBINO, IMMUTATE LE TARIFFE TARI E RIDUZIONI PER LE IMPRESE

Il Consiglio comunale ha varato le misure sulla Tari, mantenendo immutate le tariffe rispetto al 2019.I provvedimenti per le attività commerciali prevedono: riduzioni pari al 50 per cento per tutti gli operatori che ha...

Leggi

CECINA. IN SCADENZA RICHIESTA CONTRIBUTI PER DANNI METEO 2019

La Regione Toscana ha emesso una nuova ordinanza 86/2020 relativa all'evento meteo del 28-29-30 ottobre 2018 relativa all'erogazione di contributi ai privati cittadini per i danni subiti. Si tratta di una procedura che p...

Leggi

Per abbattere i costi di accesso a finanziamenti attraverso i consorzi fidi

CREDITO, IN ARRIVO DALLA REGIONE TOSCANA I VOUCHER GARANZIA

La Confcommercio della provincia di Livorno esprime soddisfazione per il provvedimento con cui la Regione Toscana concede un plafond di dieci milioni di euro per contributi in conto commissioni di garanzia su operazioni ...

Leggi

Archivio

In evidenza
Ne parliamo con gli esperti di Alleanza

FLAT TAX, QUOTA 100, RIDUZIONE INPS PER FORFETTARI

La recente manovra finanziaria ha portato alcuni cambiamenti in tema di pensioni, tassazione per gli imprenditori con ricavi inferiori 65.000 € e possibilità di riduzione dei contributi INPS per i regimi forfettari.

Se vuoi conoscere meglio di cosa si tratta e parlare con gli esperti del settore, ti invitiamo a partecipare al nostro evento gratuito.

Giovedì 7 Febbraio dalle 14:00 alle 15:30, Alleanza Assicurazioni Agenzia di Livorno e Confcommercio ti aspettano in via Serristori 15 per rispondere a tutti i tuoi dubbi e curiosità

I posti sono limitati, scrivi una mail a l.franciosi@confcommercio.li.it o telefona allo 0586/1761011.

In evidenza
A Livorno un incontro per approfondire le novità del testo regionale

IL NUOVO CODICE DEL COMMERCIO

Confcommercio e Confesercenti si sono incontraticon le istituzioni e le imprese per conoscere meglio il nuovo Codice del Commercio, recentemente approvato dal Consiglio della Regione Toscana.
Promozione della rete commerciale tradizionale, sviluppo dei centri commerciali naturali, commercio su aree pubbliche, somministrazione, carburanti, temporary store , aere mercatali sono tra i temi più caldi del rinnovo della normativa.
Gianluca Naldoni di Confesercenti Toscana e Gianni Picchi di Confcommercio Toscana hanno illustrato le regole e le opportunità della nuova legge, mentre Alessio Carraresi, presidente di Confcommercio Livorno, e Massimo Biagioni, direttore di Confesercenti Toscana hanno dato una valutazione politica ai cambiamenti al vecchio Codice, che risaliva al 2005.
Hanno partecipato il presidente della Commissione Sviluppo economico del Consiglio regionale Gianni Anselmi e Stefano Romagnoli, dirigente del settore in Regione Toscana. 

In evidenza
Un affollato incontro dei balneari toscani

BOLKESTEIN, IL PRESIDENTE NAZIONALE BALNEARI A LIVORNO

Nella sala convegni del Palazzo del Portuale 150 balneari si sono riuniti per approfondire le norme emanate recentemente dal Parlamento a tutela della balneazione attrezzata italiana (legge 30 dicembre 2018 nr. 145 “Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021” pubblicata nella Gazzetta Ufficiale nr.  302 (suppl. ord. nr. 62) del 31 dicembre 2018).
Più in particolare l'art. 1 commi 682 e seguenti della legge hanno disposto la durata di anni quindici della scadenza delle concessioni demaniali marittime vigenti. Il rinnovo delle concessioni consentirà alle imprese la ripresa degli  investimenti da troppo  tempo bloccati.
 
Di fronte a una sala affollata di imprenditori balneari e operatori che lavorano sul demanio, il presidente provinciale SIB Gianfranco Giachetti e il direttore della confcommercio della Provincia di Livorno Federico Pieragnoli hanno fatto gli onori di casa e introdotto i due interventi più attesi della mattinata: quello del presidente nazionale del Sib FIPE Confcommercio, Antonio Capacchione, e quello del dirigente al turismo della Regione Toscana Stefano Romagnoli. 
 
Il presidente Capacchione, dopo aver ripercorso le varie tappe che hanno portato al varo delle norme riguardanti i balneari all'interno della legge di bilancio, ha illustrato le varie disposizioni che comporteranno, da un lato, una riforma del sistema concessorio da attuarsi attraverso l'emanazione di due DPCM e di altri non meglio precisati provvedimenti da parte delle autorità competenti e, dall'altro, di un differimento quindicennale della scadenza delle concessioni vigenti. (A quest'ultimo proposito si è chiarito che si tratta di due ipotesi diverse e distinte riguardanti in un caso quelle anteriori al 31 dicembre 2009 e nell'altro caso quelle successive a tale data). Capacchione ha poi illustrato i motivi che inducono il SIB a non abbassare la guardia e a continuare nella battaglia per la messa in sicurezza definitiva del settore: dalla necessità di una esclusione definitiva dalla Bolkestein, e comunque dal rischio di messa a gara delle concessioni alla loro scadenza, all'esigenza di eliminare tutti i fattori di precarietà giuridica della normativa vigente, al superamento di un trattamento fiscale penalizzante e vessatorio ad iniziare dell'eliminazione dei canoni OMI per i pertinenziali. Senza con ciò dimenticare l'esigenza di un grande piano nazionale di contrasto del fenomeno erosivo.
 
"La scadenza delle concessioni al gennaio 2034 - ha riferito Capacchione ai giornalisti presenti - è il primo passo per mettere in sicurezza tutto un patrimonio imprenditoriale italiano e toscano. La norma non è può essere ancora soddisfacente perché la prospettiva di 15 anni è troppo breve. Immaginiamo se le imprese balneari devono contribuire al ripascimento, o se devono investire su strutture e servizi. Sono investimenti importanti che devono avere un orizzonte temporale più ampio. Stiamo lavorando per capire se ci siano margini di intervento per un miglioramento del provvedimento".
 
Per la Regione Toscana, Stefano Romagnoli ha affrontato alcuni nodi riguardo all'applicazione delle recenti norme e ha annunciato che sono già in agenda, a livello istituzionale, confronti tra assessori al demanio e quelli al turismo delle diverse regioni.  A margine della discussione tecnica Romagnoli ha anche anticipato che per il 2019 la Toscana non prevede aumenti nella tassazione delle imprese operanti sul demanio.
 

Federico Pieragnoli ha commentato: "La grandissima partecipazione e i numerosi interventi da parte del pubblico testimoniano l'apprensione degli operatori per la loro attività, che dà occupazione a centinaia di persone sul litorale, e per le conseguenze dirette che la durata delle concessioni potrà avere per lo sviluppo del settore e del territorio nei prossimi anni". 

In evidenza
Aperte le iscrizioni per il corso di aggiornamento HACCP a Livorno

AGGIORNAMENTO HACCP, LIVORNO, FEBBRAIO 2019

All'inizio di febbraio 2019 avrà luogo un corso di aggiornamento HACCP dedicato a titolari (8 ore) e addetti (4 ore).
Iscrizioni entro il 31 gennaio 2019: formazione@confcommercio.li.it, 0586.1761056/57.

 

In evidenza
Sono aperte le iscrizioni per il corso di agente immobiliare, formazione obbligatoria per agenti in affari e mediazione.

LIVORNO. CORSO PER AGENTI IMMOBILIARI

Sono aperte a Livorno le iscrizioni per il corso di agente immobiliare, formazione obbligatoria per agenti in affari e mediazione, che avrà luogo a febbraio 2019.

La frequenza di un corso di formazione per agente d'affari in mediazione è obbligatorio per poter esercitare la professione di Agente Immobiliare insieme a:

- il possesso del diploma di scuola media superiore, compreso il diploma triennale di scuola professionale;
- il superamento dell’esame istituito presso la C.C.I.A.A. della provincia di residenza o del domicilio professionale.

Le materie verteranno sulla legislazione sulla professione di mediatore, elementi di diritto civile, elementi di diritto tributario. Approfondimenti dell'area tecnico merceologica: nozioni di estimo e di urbanistica, diritto tributario, civile e commerciale.

Il corso avrà durata 100 ore e si svolgerà a Livorno in via Serristori 15. Per informazioni e iscrizioni: Confcommercio, 0586/1761057, formazione@confcommercio.li.it

In evidenza
Il presidente provinciale Alessio Carraresi su Il Tirreno

Le associazioni di categoria sulla fatturazione elettronica

In evidenza
Il bar Tassara conquista lo scettro

TAZZINA D'ORO 2018

Il Bar Tassara di Livorno conquista lo scettro del gioco de Il Telegrafo, secondo L'Angolino di San Vincenzo, terzo il Barcentro Rosignano.
Il presidente Confcommercio Alessio Carraresi e il direttore Federico Pieragnoli: "Bravissimi tutti gli imprenditori candidati e tutti i votanti, insieme sono vincitori, perché credono nel nostro territorio, nell'impresa, nella cordialità e in quella che è una delle più conosciute tradizioni italiane nel mondo: il caffè".

In evidenza
Soddisfazione di FIVA Confcommercio. Parla il presidente provinciale Attilio Camposano

COMMERCIO AMBULANTE. UN MAXI EMENDAMENTO ALLA LEGGE FINANZIARIA ESCLUDE IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE DALLA BOLKESTEIN

Il Governo ha predisposto nel maxiemendamento alla legge finanziaria una norma che esclude il commercio su aree pubbliche dalla Bolkestein. In sostanza si recupera la prima parte dell'art.1 del ddl Croatti. Conseguentemente viene soppresso l'intero articolo 70. Questo maxiemendamento andrà direttamente in aula.

Tornerà applicabile il Decreto Legislativo 114/1998.
Fiva comunica che quando il provvedimento sarà approvato ne verranno comunicati i dettagli agli operatori del settore.
Intanto Attilio Camposano, presidente provinciale degli ambulanti Confcommercio, è soddisfatto ma cauto:"Un dato sicuramente positivo è l'esclusione del commercio su aree pubbliche dalla Bolkestein, ma prima di cantare vittoria occorre approfondire una serie di questioni tecniche della norma, che Fiva avrà cura di fare nell'immediato".
"Per adesso possiamo dire che la Federazione, con il suo lavoro continuo e paziente, ha ottenuto un risultato di rilievo" conclude Camposano. "Per non pregiudicare le trattative in corso con i gruppi politici e con i singoli parlamentari Fiva ha evitato i comunicati alla stampa e le dichiarazioni sui social fino alla concretizzazione del risultato".

Anche dalla Fiva nazionale arrivano i primi commenti. "Diamo atto al Ministro Di Maio di aver tenuto fede a una promessa fatta i nel dicembre 2017." "Siamo fuori dalla Bolkestein - commenta ancora il Presidente della Fiva Errico - e le imprese possono guardare al futuro con maggiore fiducia. Per questo ringraziamo anche il Sottosegretario Buffagni, il Presidente della Commissione Bilancio Pesco e i parlamentari Carabetta e De Toma con i quali, in questi mesi, si è sviluppato un confronto a volte piuttosto energico ma comunque proficuo, visti i risultati. Si chiude così una vicenda diventata quasi surreale specialmente dopo l'approvazione della legge di stabilità dello scorso anno che aveva introdotto il comma 1181, una norma che avrebbe impedito ogni sviluppo per le imprese. Tuttavia- prosegue Errico - sarà necessario un tavolo tecnico che comunque sollecitiamo al fine di avere le necessarie risposte."

In evidenza
Confcommercio incontra Aamps per mediare sulla raccolta differenziata

LIVORNO. IL RITIRO DELL'ORGANICO A PRANZO NON PUO' FUNZIONARE

Sarebbe dovuta partire martedì 11 dicembre la raccolta differenziata con ecocard nella zona del Pentagono. Ma non tutti i cassonetti smart sono stati posizionati e non a tutti gli esercenti è stata fornita la tesserina magnetica.
Con l’approssimarsi del Natale, il maggiore afflusso di persone in centro e la novità delle procedure di raccolta, molti imprenditori del centro, soprattutto titolari dei pubblici esercizi, hanno espresso apprensione per i rischi del mancato ritiro.
Confcommercio, per chiarire meglio alcuni nodi, ha avuto un incontro presso gli uffici di Aamps.

Le modalità operative a cui dovranno attenersi tutte le utenze non domestiche con attività di ristorazione, commercio alimentare e somministrazione di cibi e bevande dipenderanno dalla scelta tra una delle seguenti due opzioni:
– conferire organico e vetro presso le postazioni ad accesso controllato con l’utilizzo della ecocard (rifiuti organici una volta al giorno per sette giorni settimanali, vetro tre giorni alla settimana). Per carta, cartone, plastica e rifiuto non differenziabile l’azienda Aamps provvederà al ritiro nei giorni e modalità visibili sui documenti che sono stati recapitati.
– scegliere la raccolta porta a porta “classica” anche per il materiale organico e vetro secondo le modalità di raccolta previsti nella brochure recapitata.
Confcommercio ha altresì fatto presente ai vertici di Aamps che per taluni esercizi la raccolta bisettimanale di plastica e multimateriale non risulta sufficiente. Inoltre che la fascia di esposizione del materiale organico prevista per il porta a porta classico è 12:00-12:30 è una scelta infelice in quanto molti ristoranti e bar hanno a quell’ora il turno del pranzo e i clienti troverebbero i rifiuti sulla porta. La scelta potrebbe vertere su un orario che non incida con la maggior affluenza di persone che pranzano nelle vie del centro.
Aamps ha rassicurato che valuterà le proposte dell’associazione di categoria e, inoltre, che effettuerà un nuovo passaggio presso tutti operatori della zona in oggetto al fine di fornire tutte le informazioni necessarie per il corretto smaltimento dei rifiuti.

In evidenza
Le richieste di Confcommercio e Confesercenti per il periodo natalizio e non solo

NEGOZI DEL CENTRO IN RIUNIONE: LE PROPOSTE ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Confcommercio e Confesercenti scrivono a Nogarin per ringraziare delle ore di parcheggio gratuito ottenute nel periodo natalizio e informare l'amministrazione che ha avuto luogo una riunione indetta dalle associazioni tra i commercianti del centro.

Le urgenze che sono emerse, alcune delle quali già discusse in precedenti incontri in Comune, riguardano alcune proposte da parte dei negozi di vicinato che nel periodo prefestivo rappresentano una priorità e hanno carattere di urgenza.

L'accesso e il parcheggio in centro sono vitali per riequilibrare almeno parzialmente la impari concorrenza della grande distribuzione, per cui allo stato attuale della viabilità in città ci sentiamo di chiedere al Comune che concordi domeniche gratuite di parcheggio, nonché i primi 15 minuti di parcheggio gratuito di cortesia, e la possibilità di frazionamento delle ore al parchimetro. Sarà utile poi (come già riconosciuto dall'amministrazione) aumentare velocemente il numero dei parcheggi dedicati agli scooter, soprattutto nella zona del Mercato Centrale. Una navetta elettrica che porti capillarmente le persone in centro città dai parcheggi scambiatori decongestionerebbe il traffico e aiuterebbe gli utenti. Molti imprenditori ci segnalano poi che i parcheggi a pagamento svantaggiano anche i dipendenti. Per questo chiediamo pacchetti di abbonamento per il posteggio in orario di lavoro del personale degli esercizi commerciali e dei pubblici esercizi”.

Per la decongestione del traffico in via Grande – continuano i presidenti Calgaro e Carraresi – sarebbe oltremodo urgente concordare che lo spazzamento delle strade venga anticipato a orari diversi da quelli delle scuole e dell'arrivo al lavoro, perché per esempio alle 8:30 all'imbocco di via Grande lato mare si creano ad oggi code proprio per pulizia meccanica delle strade. Per il traffico in via Grande, inoltre, si potrebbe prevedere di aggiungere un secondo semaforo in Largo Duomo, sincronizzato con quello già presente, in modo tale da regolare il flusso di auto e pedoni”.

Infine, avvertono dalle due associazioni di categoria, è molto sentito il problema del decoro urbano: “La manutenzione delle buche nelle vie dello shopping non è più rimandabile. Inoltre chiediamo che venga posticipato a dopo le feste natalizie l'inizio della raccolta differenziata con ecocard nella zona del Mercato Centrale, in modo da evitare che le nuove abitudini vadano a creare caos nel momento di massima attività dei negozi”.

Le azioni da intraprendere coinvolgono soggetti diversi, Aamps, Tirrenica Mobilità, CTT, Comune e commercianti stessi. Ma sono piccoli accorgimenti che, se attuati coralmente, possono diminuire impatto delle auto in centro e favorire un settore già troppo duramente colpito dalla crisi economica”.